Classe di Rischio di un edificio. Al via le ristrutturazioni sicure supportate dal contributo statale

Classe di Rischio di un edificio. Al via le ristrutturazioni sicure supportate dal contributo statale

Il 28 febbraio 2017 sono state pubblicate le Linee Guida per la classificazione del rischio sismico degli edifici. Grazie a tale classificazione sarà possibile comprendere quali sono gli interventi e i costi per consentire alla struttura di avvicinarsi al grado di sicurezza previsto dalle norme. Inoltre si avranno gli strumenti per comprendere se e come intervenire sugli edifici esistenti.

Sono previste 8 classi di rischio che vanno da A+ (minor rischio) a G (maggior rischio)

A+ sono gli edifici di nuova costruzione o già a norma, G sono gli edifici a rischio più alto dove è reale un rischio per la sicurezza delle persone nel caso di sisma.

Sulla base di queste classi di rischio, è stata definita l’entità del sisma-bonus previsto dalla Legge Bilancio 2017 che ha introdotto un nuovo meccanismo di incentivazione per gli interventi antisismici.

Per le spese sostenute dal primo gennaio 2017 a tutto il 2021 per gli interventi antisismici in zona ad alta pericolosità sismica (zone 1 e 2), per costruzioni adibite ad abitazione ed attività produttive, spetta una detrazione del 50% fino a 96.000 di spesa.

Sono previsti incentivi maggiori nei seguenti casi:

  • qualora gli interventi antisismici consentano il passaggio ad una classe di rischio sismico inferiore, la detrazione spetta nella misura del 70%;
  • qualora gli interventi antisismici consentano il passaggio a 2 classi di rischio sismico inferiore, la detrazione spetta nella misura dell’80%;
  • qualora gli interventi antisismici siano relativi a parti comuni di edifici condominiali e consentano il passaggio ad una classe di rischio sismico inferiore, la detrazione spetta in misura del 75%;
  • qualora gli interventi antisismici siano relativi a parti comuni di edifici condominiali e consentano il passaggio a 2 classi di rischio sismico inferiore, la detrazione spetta nella misura dell’85%.

Conoscere la classe di rischio sismico della propria abitazione o del  proprio sito industriale è molto importante. Vuol dire avere elementi oggettivi per decidere se o meno intervenire, conoscere quali sono gli interventi tecnici necessari al miglioramento o adeguamento sismico e soprattutto con quali sono i costi. Lo Stato Italiano oggi, con la legge di Bilancio 2017 vuole dare una mano a tutti coloro che decidono di effettuare una ristrutturazione finalizzata al passaggio ad una o più classi di rischio inferiore.

Se si sta pensando ad una ristrutturazione, questa è sicuramente un’occasione per migliorare il proprio edificio non soltanto dal punto di vista estetico, ma soprattutto dal punto di vista della sicurezza.

Valeo, attraverso i suoi professionisti ha un’esperienza più che decennale nell’ingegneria civile e strutturale finalizzata al miglioramento e adeguamento sismico degli edifici ed è già equipaggiata di tutti gli strumenti necessari alla classificazione del rischio sismico degli edifici.

Conoscere la classe di rischio della propria abitazione o del proprio sito industriale è il primo passo.

Se siete interessati a conoscere costi e modalità per ottenere la classificazione di rischio sismico potete contattarci a  info@valeo-srl.com oppure potrete chiamarci al 0859432554

Ottenuta la classe di rischio,  insieme potremo lavorare ad un progetto di ristrutturazione che renda non solo bello, ma soprattutto più sicuro il vostro edificio.

By | 2018-02-26T17:46:21+01:00 March 11th, 2017|Accesso libero|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment